logo fnb
food&lifestyle
settembre 11, 2019 - Gino Girolomoni

Girolomoni: il nuovo molino è entrato in funzione

Illustrato in anteprima al Sana di #Bologna l’ambizioso progetto che permette alla cooperativa di chiudere la filiera, diventando il primo #pastificio bio italiano a controllare l’intero ciclo produttivo, dal seme al piatto.

(Isola del Piano (PU), 05 settembre 2019)- E’ entrato in funzione il 26 agosto a #isoladelpiano (PU) il nuovo impianto di molitura della Cooperativa agricola Gino #girolomoni, direttamente collegato al #pastificio. Si tratta di un investimento da oltre 3 milioni di euro, per una potenzialità produttiva di farina di 100 tonnellate al giorno e di 20.000 tonnellate all’anno. Con questo nuovissimo molino trova pieno compimento il sogno del fondatore della Cooperativa, Gino #girolomoni. Ora, infatti, sarà possibile controllare la lavorazione del grano in ogni fase, dalla semina alla coltivazione, dalla raccolta allo stoccaggio, dalla pulitura alla macinazione, per ottenere una semola “cucita” su misura e garantire così un gusto unico alla pasta Girolomoni®.

Il progetto è stato illustrato in anteprima al all’edizione 2019 di Sana, il salone internazionale di #Bologna completamente dedicato al #biologico. L’impianto macina il grano preservando le proprietà organolettiche dell’intero chicco, dalla crusca al germe, senza che venga aggredito o surriscaldato. Per far questo è essenziale rispettare i tempi lenti della macinatura prima e dell’essicazione poi.

“È un investimento importante che abbiamo meditato a lungo ma che abbiamo ritenuto necessario per realizzare il progetto del nostro fondatore e per caratterizzare la nostra filiera biologica di lavorazione e trasformazione del grano – spiega il presidente Giovanni Girolomoni - testimonia in modo concreto il nostro impegno per dotare la cooperativa degli strumenti più avanzati, che agevolino la nostra crescita nella direzione della qualità e ci permettano di progettare al meglio il futuro. Quest’impianto di molitura ci rende autosufficienti, consentendoci di controllare la lavorazione del grano dal seme al piatto”.

Sul fronte delle novità di prodotto, c’è invece da registrare l’arrivo dell’inedita referenza della Farina di ceci biologica, in formato da 400, macinata a pietra e prodotta con ceci coltivati in Italia, recuperando i più piccoli e quelli spezzati, perché non vadano perduti.

Oltre ad essere un’ottima fonte di fibre e proteine, si presenta anche come una valida alleata in cucina per una dieta sana e variegata. Proprio in tale ottica, nel retro della confezione è stata inserita una ricetta, in linea con lo spirito di recupero della buona cucina tradizionale con cui nasce la farina di ceci Girolomoni®.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa da scaricare