logo fnb
food&lifestyle
maggio 08, 2018 - Antonio Mattei Biscottificio

Il Biscottificio Antonio Mattei a CIBUS 2018

Il #biscottificioantoniomattei di Prato chiude un brillante 2017 e lancia nel 2018 il 160° anniversario della sua fondazione, con celebrazioni che avranno al centro l’apertura del “Piccolo Museo-Bottega Antonio Mattei”, nel cuore di Firenze.


Prato, Marzo 2018 - Il #biscottificioantoniomattei di Prato, storica azienda icona del #food d’autore italiano, archivia un brillante 2017 in crescita a doppia cifra segnato da incrementi omogenei di oltre il 20% sui mercati Italia ed Estero - ed in espansione anche in Asia, attraverso una nuova rete distributiva basata ad Hong Kong - grazie ad una rinnovata gamma di prodotti ed allo sviluppo della vendita online consegnate in tutto il mondo in 48 ore. 

Con il 2018, confortato da questo brillante trend, Mattei “lancia” così il 160°esimo anniversario della sua fondazione, attraverso una serie di iniziative che vedono al centro l’importante novità: l’apertura a Firenze del “Piccolo Museo-Bottega”, archivio di memorablila e documenti dedicato a raccontare la storia dell’azienda e della famiglia Pandolfini che la guida dal 1904 quando la ereditò da Antonio Mattei, e dove i fiorentini ed i turisti potranno comprare e degustare i prodotti. 


2017: UN’OTTIMA ANNATA

Il 2017 ha visto l’azienda pratese guidata dai fratelli Pandolfini impegnata in una strategia di ulteriore posizionamento nella nicchia dell’alta gamma di prodotti dolciari e da forno attraverso una serie di iniziative che sono partite con il lancio - a Giugno 2017 - del nuovo Biscotto con pistacchi e mandole nel sacchetto verde, che è diventato il nuovo must degli affezionati al Brand Mattei. 

In parallelo a questa iniziativa è nata la collaborazione con il Centro Pecci di Prato per un crowdfunding – attraverso la creazione di una confezione del sacchetto verde in un formato speciale dedicata all’iniziativa, venduta presso il Museo e il negozio di Prato e lo shop shop online - a supporto del restauro e della ricollocazione in situ dell’opera “Vasca” di Enzo Cucchi negli spazi antistanti il Museo. 

Ad Ottobre, Mattei ha ospitato l’evento “nomade” della famiglia degli UNICI all’interno dello straordinario Museo del Tessuto di Prato, uno dei mille gioielli nascosti dell’Italia più operosa e creativa che ha visto la partecipazione di un folto pubblico di buyers italiani ed internazionali e di stampa del settore, alla scoperta dei segreti della città di Prato.

Sul fronte internazionale, in occasione del Natale 2017, il Biscottificio Mattei è stato selezionato per essere inserito tra i regali più esclusivi del prestigiosi magazzini Bergdorf Goodman department store americano di lusso, portando così un tocco di italianità oltreoceano con il suo “Blu Mattei” e la nuova latta “new retro”.  

Giocata su decori e toni del bianco ed azzurroedappositamente disegnata dall’illustratore Simone Massoni, professionista di livello internazionale. La nuova tin box Mattei si ispira alle confezioni Art Nouveau,declinata in chiave contemporanea, a cui seguirà una nuova edizione a Maggio 2018.

Inoltre, prosegue con soddisfazione la collaborazione con la famiglia Bartoletti della gelateria artigianale DAI DAI di Castiglioncello, è stato riconfermato la “cassatina Mattei” per la prossima stagione estiva.



2018: 160 ANNI E NON DIMOSTRARLI 

L’apertura del “Piccolo Museo-Bottega Antonio Mattei” è previsto per i primi giorni del mese di Maggio 2018. In uno spazio di grande suggestione, sarà possibile ripercorrere il racconto dei 16 decenni di storia Mattei declinato in 5 sezioni attraverso pannelli ed espositori dedicati alle varie fasi delle lavorazioni, agli strumenti di lavoro, alle confezioni storiche e all’evoluzione del packaging negli anni. Disegnato dall’architetto Carlo Achilliin Via Porta Rossa a Firenze, ad un passo dalla centralissima Via Tornabuoni nel cuore della città, offrirà l’occasione per scoprire testimonianze, foto, documenti, confezioni storiche, raccontando così un percorso unico tra le aziende del #food Made in Italy più apprezzate:


Un buon progetto è come una buona ricetta che misura il suo successo e la sua eccellenza non solo nel gusto ma anche nel tempo, e qui gli ingredienti c’erano tutti – spiega l’architetto Achilli – partendo quindi dalla reinterpretazione della bottega tradizionale fiorentina e passando attraverso la valorizzazione delle tipologie storico-architettoniche esistenti, si è arrivati alla progettazione di un percorso espositivo. Non solo uno spazio commerciale ma anche e principalmente museale, che raccontasse la storia del biscotto di Prato in cui gli ambienti e le diverse funzioni si mescolano in giusta proporzione come i diversi ingredienti in una ricetta ben riuscita.” 


Sono stati recuperati con un’operazione di accurato restauro conservativo e sono decorati con una straordinaria selezione iconografica nata in collaborazione con gli Archivi Alinari. L’insegna su Via Porta Rossa 76 sarà una replica fedele dell’originale logo Mattei del 1881, il restyling a cura di Neolab Firenze e la decorazione nelle mani dell’artista fiorentino Tommaso De Carlo

La piccola bottega Mattei nella prima stanza – rivestito in boiserie e scaffalature in legno e vetro declinate con un moderno stile – permetterà al pubblico di acquistare e degustare tutti i prodotti del Biscottificio oltre ai prodotti tradizionali, quelli freschi che fino ad ora si potevano trovare solo a Prato o nel negozio online come filone candito, Mantovana, Brutti Buoni, briosce, e pan di ramerino. 

La nascita del Piccolo Museo Mattei vuole suggellare anche la sinergia e la promozione tra due territori – Prato e Firenze – aprendo una “finestra” di storia pratese nel cuore della città del giglio, per far conoscere al pubblico italiano ed internazionale i grandi pregi di un territorio limitrofo ancora tutto da scoprire per il grande turismo gourmet internazionale. 


Un anno che rimarca quindi la forte radice storica e territoriale del Biscottificio, ma che lo vede anche proiettarsi in una dimensione di modernità ed internazionalità sempre più apprezzata dai pubblici italiano ed internazionale.