logo fnb
food&lifestyle
maggio 22, 2017 - consorzio.bagnacavallo

Il miglior Bursôn in commercio nel 2017 è l’annata 2010 dell’Azienda Ballardini-Ricci

La 14esima edizione del concorso enologico “A che punto siamo?” ha decretato il suo vincitore, votato “alla cieca” da una giuria popolare formata da 120 persone

Il miglior Bursôn Etichetta Nera (la riserva) in commercio nel 2017 è l’annata 2010 dell’Azienda Ballardini-Ricci di Boncellino(frazione di Bagnacavallo, Ravenna). A decretarlo è stata una giuria popolare formata da 120 persone – giornalisti, gourmet, addetti del settore e tantissimi appassionati – che nel corso di una cena con degustazione alla cieca (ossia senza sapere di quale azienda fosse il vino) ha espresso la propria preferenza nei confronti del Bursôn firmato Ballardini-Ricci , che ha ottenuto un punteggio medio di 87,98 su una scala di cento (il secondo classificato ha ottenuto 86,89).

Gli altri Bursôn Etichetta Nera arrivati a questa finale della 14esima edizione del concorso enologico “A che punto siamo?” sono stati (in ordine di classifica): Spinetta (Faenza)con l’annata 2011, Tenuta Uccellina (Russi) 2012, Zini (Boncellino) 2010, , Randi (Fusignano) 2012.

A condurre la serata organizzata dal Consorzio “Il Bagnacavallo è stato Sergio Ragazzini, enologo e ideatore e promotore del concorso.

Nel mese di novembre, poi, il Bursôn 2010 Ballardini-Ricci affronterà 4 fra i vini più famosi e blasonati d’Italia della stessa annata (dal Brunello all’Amarone, giusto per fare un paio di nomi importanti) nel corso di una degustazione alla cieca il cui scopo è proprio quello di valutare l’autoctono bagnacavallese nei confronti dei migliori vini nazionali.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa da scaricare

News correlate

marzo 24, 2017
novembre 30, 2016
novembre 21, 2016

Filtro avanzato