logo fnb
food&lifestyle
marzo 24, 2016 - Città di Torino

Regine & Re di Cuochi, una mostra tematica sull’eccellenza dell’alta cucina e diversi mondi di creazione artistica

Regine & Re di Cuochi è una #mostra tematica sull’eccellenza dell’alta cucina fra cibo e vino, ma è anche un programma di iniziative multidisciplinari e di eventi per favorire il dialogo fra diversi mondi di creazione artistica.
Soprattutto vuole essere un contenitore di cultura, di sperimentazione e di partecipazione, di promozione di prodotti e gusti che si innesta nella piattaforma dell’enogastronomia.
Dal 16 marzo al 5 giugno 2016 alla Palazzina di Caccia di Stupinigi (Nichelino-Torino) la prima e unica tappa italiana. Il progetto andrà successivamente all’estero, a Shanghai, Mosca, Dubai, San Paolo, Chicago e Seul.
La #mostra, ideata e promossa dall’Associazione Maestria e che si avvale di un Comitato scientifico e curiatoriale composto da Marco Bolasco - direttore editoriale Piattoforte, gruppo Giunti, Elisia Menduni, Bob Noto, Nicola Perullo, Fabio Rizzari e Massimiliano Tonelli, utilizzerà un allestimento prevalentemente di tipo tecnologico multimediale, con un carattere di forte interattività, ad alto tasso di “acquolina", riproduzione di rumori colori e suoni tipici delle grandi cucine; il tutto corredato con l’esposizione di immagini fotografiche e materiale documentario (oggetti, menu, attrezzatura da cucina, ecc.).
La #mostra, divisa in 4 sezioni, si svilupperà su circa 2000 metri quadrati. Una sezione sarà dedicata alla cultura del cibo, alla varietà e qualità dei prodotti agroalimentari ed enogastronomici italiani e rapidi accenni alla storia della cucina del nostro Paese, necessaria e indispensabile premessa per la filosofia dell’esposizione. Il percorso di visita, affidato a Zetalab, consentirà un’alfabetizzazione complessiva e polisensoriale per guardare, ascoltare, annusare, toccare, assaggiare, per far immedesimare il pubblico nell’attività complessa, variegata e affascinante di una vera fucina creativa quale è la ristorazione di eccellenza.
Il corpus centrale della #mostra è dedicato ad alcuni grandi cuochi moderni e contemporanei (indicativamente dal 1960 ad oggi), scelti fra i più significativi protagonisti dell’evoluzione da cucina di trattoria a cucina d’avanguardia.

Analoga importanza è dedicata al “back stage” dell’alta cucina e all’analisi del processo creativo e organizzativo attraverso le “voci narranti” dei cuochi: dalla ricerca e ideazione all’analisi delle diverse tecniche di cucina più innovative, dal rapporto con il team alla ricerca del prodotto alla creatività nel design, testure, abbinamenti. Un affascinante viaggio nel “dietro le quinte” dei cuochi, alla scoperta delle fasi meno note della loro produzione artigianale e artistica; una narrazione dei momenti salienti di queste esperienze di vita e di impresa, con l’obiettivo di far percepire al pubblico quali siano gli elementi attraverso i quali il talento passa da singolare a plurale, da individuale a collettivo.
La presenza del vino non sarà semplice elemento esornativo o marginale, ma parte integrante del percorso di #mostra seguendo il medesimo processo di scomposizione/ricomposizione adottato per la parte gastronomica.
Verrà inoltre analizzato il “palcoscenico” dei cuochi: la “tavola”, per far conoscere i diversi criteri stilistici delle loro creazioni, lo staff di sala e il sommelier, l’ospitalità, il benessere, la convivialità.
Un’ulteriore sezione verrà dedicata alla cucina italiana del futuro e ai suoi più promettenti interpreti.
Presente, lungo tutto il percorso espositivo, sarà l’evidenziazione del ruolo, responsabilità e rilevanza sociale del grande cuoco, formidabile, consapevole, terminale di trasmissione di valori, divulgatore del patrimonio culturale, custode di tradizioni, memorie e gusti, valorizzatore di prodotti, filiere e territori, vettore di modernizzazione e avanguardia, ambasciatore di immagine e formatore di nuove generazioni.
I cuochi selezionati dal Comitato Scientifico e Curatoriale e coinvolti nel progetto sono: Massimiliano Alajmo, Guido e Lidia Alciati, Matteo Baronetto, Heinz Beck, #massimobottura, #antoninocannavacciuolo, Giuseppe e Mirella Cantarelli, Moreno Cedroni, Enrico e Roberto Cerea, Antonello Colonna, #carlocracco, Enrico Crippa, Pino Cuttaia, Gennaro Esposito, Alfonso Iaccarino, Antonia Klugmann, Paolo Lopriore, Valentino Marcattilii, Gualtiero Marchesi, Aimo Moroni, Norbert Niederkofler, #davideoldani, Angelo Paracucchi, Piergiorgio Parini, Fabio Picchi, Valeria Piccini, Fulvio Pierangelini, Niko Romito, Nadia Santini, #davidescabin, Salvatore Tassa, Mauro Uliassi, Gianfranco Vissani.
Gli obiettivi del progetto sono molteplici: promuovere la cultura della cucina italiana e del vino del nostro Paese attraverso l’attuale nutrito gruppo di grandi cuochi, per la prima volta significativa e imponente massa critica che ben rappresenta il meglio del made in Italy; sottolineare il valore e ruolo “sociale” del grande cuoco e delle sue responsabilità nel custodire la storia e la tradizione, valorizzare prodotti, filiere e territori, divulgare l’identità culturale e rappresentare l’avanguardia e l’innovazione del nostro Paese; favorire l’apprezzamento della cucina italiana non solo come cucina di trattoria ma di elevato standing di creatività e incredibile varietà dei prodotti e tradizioni dei singoli territori; sostenere il consolidamento dell’identità italiana degli alimenti e del vino di qualità; aiutare la promozione delle filiere alimentari italiane e la lotta alla contraffazione e mistificazione; sensibilizzare il pubblico alla cultura del cibo e del vino, diretta alla scelta consapevole delle materie prime di eccellenza, ai valori nutrizionali e alla creatività.


Parte integrante della manifestazione è un ricco programma di eventi e iniziative culturali e artistiche al fine di favorire il dialogo fra diversi mondi di creazione progettuale: musica, letteratura, #arte, teatro, #fotografia e l’universo della cucina d’autore in un percorso di incontro, di scambio di esperienze fra il cibo e le arti. Uno strumento di comunicazione per unire mondi solo in apparenza diversi ma accomunati da una filosofia, pratiche ed esperienze simili. Verranno inoltre organizzati, con cadenza periodica, un ciclo di incontri fra i grandi cuochi e alcune personalità di ambiti diversi (registi, designer, allenatori, filosofi, ecc.) e un altro fra i cuochi e i produttori. Non mancheranno una serie di appuntamenti tematici quali lezioni, laboratori, presentazioni, degustazioni, cene. Verranno inoltre organizzati laboratori specifici per i bambini e i ragazzi.
Nel bookshop – una libreria culinaria - si troveranno pubblicazioni relative ai contenuti e alla rappresentazione delle sezioni di #mostra, oltre a libri storici e classici, ricettari e varia editoria di expertise dedicata. L’area #food, all’interno del bookshop, completerà l’offerta al pubblico con una selezione di prodotti eccellenti italiani, alcuni dei quali consigliati o prodotti dai cuochi secondo un personale “paniere dello chef”.
Una citazione a parte merita Unlimited, un openspace dove ciascuno potrà bloggare, connettersi ai portali #food, dialogare con altri internauti, presentare progetti, prospettare alleanze, raccontare di filiere in abbandono e molto altro ancora.
A completare l’offerta il bistrot dove degustare piccoli capolavori gourmet preparati da alcuni cuochi presenti in #mostra.
Il Comitato Promotore è composto da Roberto Casiraghi, Cristiana Colli, Marina Covi Celli, Mario Cucinella, Paola Rampini, Fulvio Zendrini.
L’iniziativa ha ottenuto il Patrocinio di: Regione Piemonte, Città di #torino, Città di Nichelino,
Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, Slow #food, Symbola Fondazione per le
qualità italiane, Fondazione Qualivita, Federmobili, One-Health e Turismo #torino.

Il progetto si avvale del sostegno di: Regione Piemonte, Fondazione CRT, Lavazza, LAGO.

I partner che hanno aderito al progetto sono: Carloangela, Cucine Marrone, FCF Impianti, ColdLine, Rational, Winterhalter, Pentole Agnelli, Caraiba, La Banca del Vino, Raspini Salumi, Coven, Gold Plast, Quercetti, Azienda Agricola F.lli Gramaglia.


Il catalogo della #mostra è pubblicato da GAmm Giunti (360 pp., € 39,90 in libreria, € 34 in mostra) con testi di Ferran Adrià, Marco Bolasco, Cristiana Colli, Nicola Perullo, Carlo Petrini, Fabio Rizzari, e oltre 250 illustrazioni.


Dal 16 marzo al 5 giugno 2016 alla Palazzina di Caccia di Stupinigi (Torino)
Regine & Re di cuochi

Dal lunedì al giovedì dalle 11,00 alle 21,00 la #mostra; i servizi connessi tipo il bistrò e il book shop chiudono almeno un’ora dopo.

Dal venerdì alla domenica dalle alle 10,00 alle 21,00; i servizi connessi tipo il bistro’ e il book shop chiudono almeno un’ora dopo.

BIGLIETTERIA

Intero Euro 13,00
Ridotto Euro 10,00
• Ragazzi 15 – 18 anni
• Studenti universitari 19-25 anni con tesserino
• Adulti over 65
• Giornalisti non accreditati
• Convenzioni

Ridotto Euro 9,00
• Tessera Musei
• Possessori del biglietto intero della Palazzina di Caccia di Stupinigi (valido esclusivamente nella stessa giornata)
• Gruppi: min. 15 – max 25 pax, prenotazione obbligatoria, 1 gratuità per accompagnatore, microfonaggio obbligatorio)

Bambini Euro 5,00
• Bambini (6 – 14 anni)

Famiglia
• adulto: Euro 10,00 - bambini 6-14 anni: Euro 5,00 - gratuito dal 3° figlio.

Scuole Euro 6,50
• gruppi di studenti di ogni ordine e grado fino alla scuola media superiore, min. 20 pax, 1 gratuità per accompagnatore ogni 15 alunni, visita guidata inclusa, prenotazione obbligatoria. Per prenotazioni visite didattiche +39 334 8965886.

Gratuito: bambini under 6 anni, disabile e un accompagnatore (nel caso di necessità), guide turistiche di #torino e provincia con tesserino, giornalisti con tesserino ODG per servizio previo accredito (non si procede con ad accreditare la stampa nei giorni prefestivi e festivi).
Acquisto tramite il sito TicketOne.
Call center prenotazioni: 011- 0881178

info@regineredicuochi.com; tel. +39 011 850 660
www.regineredicuochi.com

Filtro avanzato